PENSIONI SETTEMBRE 2020: CONGUAGLIO IRPEF - Prestito 24: prestiti e cessione del quinto per dipendenti e pensionati.
Sulle pensioni di settembre rimborsi o trattenute per il conguaglio Irpef
pensioni; irpef; rimborso; trattenuta;pensionati; dichiarazione dei redditi
17042
post-template-default,single,single-post,postid-17042,single-format-standard,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

PENSIONI SETTEMBRE 2020: CONGUAGLIO IRPEF

Con le pensioni di settembre, di cui si attende il calendario ufficiale delle Poste, potrebbe arrivare il conguaglio Irpef.

Conguaglio Irpef

Per chi non lo avesse già ricevuto nel corso del mese di agosto, a settembre dovrebbe arrivare il conguaglio Irpef del Modello 730. Questo vuol dire che sull’assegno della pensione potrebbe esserci un accredito pari al rimborso o una trattenuta.

Il conguaglio Irpef dipende non solo dall’entità del credito ma anche dalla data in cui è stata presentata la dichiarazione dei redditi.

Nel caso delle pensioni, le operazioni di accredito partono dal secondo mese successivo rispetto a quello di ricezione del prospetto di liquidazione. Lo stesso avviene nel caso in cui come contribuenti andassero restituiti dei soldi.

Nel corso del mese di agosto è stato effettuato il conguaglio a quanti abbiano presentato la propria dichiarazione dei redditi nel mese di giugno. Sul cedolino di settembre riusciranno a vedere il rimborso Irpef quanti abbiano presentato la dichiarazione dei redditi dopo il 20 giugno e prima del 15 luglio.

Quest’anno c’è tempo fino al 30 settembre per presentare la dichiarazione dei redditi: sarà quindi possibile ricevere i conguagli dell’Irpef fino alla pensione di novembre.

Il Governo, infatti, per l’emergenza sanitaria ha rinviato alcuni appuntamenti fiscali come quello scadenze di presentazione della dichiarazione dei redditi, che fino allo scorso anno era fissata per il 23 luglio

Aumenti o trattenute

Gli aumenti della pensione dipendono dal risultato del conguaglio 730/2020. Nel caso dovesse venir fuori un credito d’imposta, il pensionato si ritroverà nel mese di settembre il rimborso. Se invece il contribuente ha un debito Irpef, il cedolino di settembre subirà una trattenuta.

Chi deve restituire dei soldi allo Stato può optare anche per una rateizzazione: questa però non si deve protrarre oltre il mese di novembre, per tutti i contribuenti e qualunque sia la data di presentazione della  dichiarazione dei redditi.

Pensioni di invalidità

Per le pensioni di invalidità, con il Decreto d’Agosto, è stato confermato l’aumento: passano, quindi, da circa 286 euro al mese a 651,51 euro mensili. Il decreto da un lato ha ufficializzato l’aumento, dall’altro ha stanziato le risorse che dovrebbero servire a coprire gli importi delle pensioni. Ricordiamo che l’aumento è limitato agli invalidi totali e spetta solo a quanti abbiano un reddito personale inferiore a 8.469,63 euro.

Alessandra Provenzi
a.provenzi@prestito24.it