APPROVATO DALLA CAMERA, IL DECRETO RILANCIO PASSA AL SENATO - Prestito 24: prestiti e cessione del quinto per dipendenti e pensionati.
16956
post-template-default,single,single-post,postid-16956,single-format-standard,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

APPROVATO DALLA CAMERA, IL DECRETO RILANCIO PASSA AL SENATO

Sempre più stretti i tempi per la conversione del decreto Rilancio che dovrà diventare legge entro il 18 luglio.

Il testo, approvato oggi dalla Camera con 278 voti favorevoli, 187 contrari ed un astenuto, passa al Senato dove arriverà blindato senza possibilità di introdurre modifiche.

Il passaggio alla Camera ha portato una serie di novità, come l’allargamento del superbonus 110% alle seconde case, gli incentivi per l’acquisto di auto Euro 6, l’aumento dei fondi destinati alle scuole paritarie, lo slittamento di un mese dei congedi per i genitori, l’anticipo della cig prevista per l’autunno.

    – SUPERBONUS: la detrazione al 110% per gli interventi che rendano gli edifici più efficienti dal punto di vista energetico e più sicuri in caso di terremoti è stata estesa anche a immobili del terzo settore e alle seconde case, ad esclusione delle abitazioni di lusso, delle ville e dei castelli. Potranno invece usufruirne i proprietari delle villette a schiera.

    – ECOBONUS AUTO E MOTO: incentivi fino a 3.500 euro per chi acquista un’auto Euro 6 (categoria che comprende anche vetture a benzina e gasolio) e rottama un mezzo vecchio almeno di 10 anni. Senza rottamazione l’incentivo si dimezza. Il bonus vale fino al 31 dicembre 2020 per auto con prezzi fino a 40 mila euro. Auto green: l’ncentivo arriva a 10 mila euro per le elettriche e a 6.500 per le ibride. Per moto e motorini elettrici o ibridi l’ecobonus nel 2020 sale fino a 4 mila euro in caso di rottamazione. Senza rottamazione incentivi fino a 3 mila euro.

    – CIG E CONTRATTI: le 4 settimane di Cig Covid previste per l’autunno si potranno anticipare fin da subito. Mentre i contratti di apprendisti e lavoratori a termine saranno prorogati di tanti giorni quanti sono stati quelli di stop per il lockdown. Via libera anche all’adeguamento delle pensioni di invalidità totale che passano da 285 ad almeno 516 euro.

    – SCONTO IMU: i Comuni potranno premiare con uno sconto fino al 20% chi, per pagare l’Imu, scelga l’addebito sul conto corrente.

    – DOCUMENTI: le carte d’identità e le patenti scadute durante il lockdown resteranno valide fino alla fine dell’anno.

    – CONGEDI: chi ha figli fino a 12 anni potrà utilizzare fino al 31 agosto (un mese in più del previsto) i 30 giorni di congedo retribuito al 50%. In più, i Comuni dovranno usare i 150 milioni aggiuntivi stanziati con il decreto per pensare a centri estivi anche per i più piccoli, fino a 3 anni, e per i più grandi. La fascia di età è stata infatti modificata: da 3-14 anni a 0-16 anni.

    – SCUOLE PARITARIE: raddoppiati i fondi per le scuole paritarie.  Un emendamento approvato dalla commissione stanzia altri 150 milioni. Grazie a una deroga introdotta da un altro emendamento, le classi delle elementari potranno avere anche meno di 15 alunni.

    – SMART WORKING: per il 50% dei dipendenti della pubblica amministrazione con mansioni che possono essere svolte da casa lo smarti working è prorogato fino al 31 dicembre.

    – ZONE ROSSE: stanziati 40 milioni per i Comuni delle zone rosse esclusi dai primi fondi ad hoc. Altri 20 milioni andranno a puntellare le amministrazioni in dissesto, compresi i Comuni sciolti per mafia.

    – TOSAP: per gli ambulanti arriva l’esenzione per due mesi di Tosap e Cosap.

Alessandra Provenzi
a.provenzi@prestito24.it