News riforma pensioni: novità per il 2019 | Prestito24
16402
post-template-default,single,single-post,postid-16402,single-format-standard,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
news riforma pensioni

News riforma pensioni: le novità per il 2019

Quattordicesima in arrivo per oltre 125.000 pensionati. Quota 41 e quota 100 saranno probabilmente riconfermate nella legge di Bilancio 2019. Intanto, resta sospesa Opzione Donna. Tutto quello che devi sapere sui cambiamenti in arrivo nel mondo delle pensioni.

News riforma pensioni: quattordicesime, aumentano i destinatari

Si passa dai circa 8500 dello scorso anno agli oltre 125000 del 2017: la platea dei destinatari della quattordicesima iscritti alla gestione pubblica (ex Inpdap) raddoppia. In maniera simile, anche tra gli iscritti alla gestione sport e spettacolo (ex Enpals) e i privati, gli interessati crescono rispettivamente del 61,6% e del 10%. (Il sole 24 ore).

In breve, sul fronte quattordicesima le notizie per i pensionati italiani sembrano essere incoraggianti: il bonus, ideato dalla riforma varata lo scorso anno,  si estende a quasi un milione e mezzo di beneficiari.

News riforma pensioni: nuovi requisiti pensionistici nel 2019

C’è, invece, meno sicurezza su come si evolverà il sistema pensionistico nel 2019. Certamente saranno introdotti nuovi requisiti, come confermato in una circolare dell’Istituto Nazionale di Previdenza (INPS). Vediamoli:

  • La soglia di età per il pensionamento sarà fissata a 66 anni e 7 mesi, con anzianità contributiva pari a 20 anni.

L’innalzamento dell’età pensionabile deriva da un aggiornamento stabilito proprio dalla riforma pensioni. Sarà effettuato ogni due anni, per adeguare l’età pensionabile alle aspettative di vita, che crescono annualmente.

  • Per le pensioni calcolate mediante sistema contributivo, la soglia è fissata a 70 anni e 7 mesi d’età

News riforma pensioni: pensioni anticipate

Crescono anche le soglie di anzianità contributiva previste per chi voglia beneficiare dell’uscita anticipata dal mercato del lavoro. Si passa dai 42 anni e 10 mesi degli uomini e dai 41 anni e 10 mesi per le donne ai 43 anni e 3 mesi per gli uomini e 42 anni e 3 mesi per le donne. Un aumento di cinque mesi, pari a quello previsto per il lavoratori precoci, che accederanno al pensionamento una volta compiuti i 41 anni e 5 mesi di anzianità contributiva.

News riforma pensioni: Ape Volontaria e quota 100

A seguito dell’innalzamento di 3 mesi dell’età pensionabile, slitta di altrettanti mesi l’età minima per accedere all’ Ape volontaria, che può essere richiesta a non più di 3 anni e 7 mesi di distanza dalla data di pensionamento.

Ancora in forse il destino di un altro provvedimento, la Quota 100, che permetterebbe di andare in pensione raggiunta la somma di età anagrafica e contributiva di 100. Il nuovo governo lavora anche sull’estensione della Quota 41 a tutti i lavoratori (con età contributiva di 41 anni). In attesa di rinnovo anche l’Opzione Donna, che consente alle lavoratrici con almeno 57 anni e 35 anni di contributi versati di andare in pensione anticipatamente accettando il ricalcolo dell’assegno con metodo contributivo.

Nei prossimi giorni si prevedono ancora novità sul fronte pensioni, dovute soprattutto ai possibili cambiamenti introdotti con il Documento di Economia e Finanza, che stabilisce le linee guida della spesa statale e del debito pubblico. Per restare aggiornato e aggiornata, continua a seguirci sul blog. Per qualsiasi domanda o dubbio, lasciaci un commento.

Prestito24 Blog
mariateresamatulli@gmail.com