Donna, madre, lavoratrice: la finanza è anche tua | Prestito24
2406
post-template-default,single,single-post,postid-2406,single-format-standard,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Donna, madre, lavoratrice: la finanza è anche tua

Alfabetizzazione finanziaria: conoscere i principi della finanza è utile per valutare anche i piccoli investimenti e gestire i risparmi quotidiani.

La finanza è un mondo per donne?

Leggendo in giro per il web, le risposte sono discordanti. C’è chi afferma di no: rispetto ai colleghi uomini, le donne risultano ‘troppo prudenti’, penalizzando il profitto in favore della maggior sicurezza di un investimento. C’è chi, invece, afferma il contrario: la propensione al rischio eccessivo può spingere a investire in progetti “troppo azzardati”. La prudenza femminile sarebbe quindi un plus non indifferente.

Nonostante i centinaia di studi ancora in corso, la risposta definitiva sembra molto lontana. Guardando ai dati di fatto, però, la questione principale sembrerebbe essere un’altra.

Alfabetizzazione finanziaria: il gender gap e il glass ceiling

Le professioniste sono tante e in aumento, anche nel mondo della finanza: pensa a Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, o alle centinaia di consulenti pronte ad aiutarti nelle agenzie di credito e nelle banche.  Ma in concreto, come afferma Elisa Ansandri, executive manager finance/banking di Michael Page Italia, solo l’11% delle donne occupa posizioni di vertice nei gruppi finanziari italiani.

Inoltre, c’è la questione del cosiddetto “soffitto di vetro” (glass ceiling): le signore della finanza vengono pagate meno e hanno solitamente più difficoltà a fare carriera rispetto ai colleghi uomini. Elementi, questi, che concorrono a scavare un divario profondo fra uomini e donne (gender gap).

Alfabetizzazione finanziaria: le ragioni

Come spiega ai microfoni di RaiEconomia Magda Bianco, capo del Servizio di tutela clienti e antiriciclaggio della Banca d’Italia, le ragioni del gender gap sono anche culturali e storiche: l’accesso posticipato ai livelli alti dell’istruzione di settore, la tradizionale visione della donna come “manager del focolare”, limitata alla gestione delle finanze della casa; la lontananza dai centri nevralgici in cui la finanza si fa concretamente.

Variabili che oggi sembrerebbero superate, ma che nei fatti, non lo sono. E che si ripercuotono anche nel mondo aziendale: le imprenditrici hanno più difficoltà nell’accesso al credito e alle fonti di finanziamento.

Alfabetizzazione finanziaria: la soluzione

Questi i problemi. E che tu sia una studentessa, imprenditrice, lavoratrice o madre, ti starai chiedendo una sola cosa: abbiamo i problemi, troviamo le soluzioni.

Abbattere i soffitti di vetro da un giorno all’altro, è impossibile. Ma come afferma la stessa Magda Bianco, le soluzioni partono anche dal basso, dal quotidiano. E una piccola soluzione “prét – a – porter”, da adottare subito e subito utile, c’è: è l’alfabetizzazione finanziaria.

In breve, apprendere i principi base del mondo finanziariocapire come valutare rischi e ritorni degli investimenti, conoscere i prodotti del settore per comprendere meglio come realizzare i propri progetti. E che si tratti di gestire il bilancio famigliare, di come finanziare una nuova abitazione, di scegliere a quale agenzia affidarsi o di interpretare le nuove norme sulle pensioni, ti saranno sempre utili.

Per questo, continua a seguire i nostri aggiornamenti. Dalla riforma pensioni precoci, a cos’è un prestito vitalizio ipotecario, al prodotto cessione del quinto, ti forniremo gli strumenti e gli approfondimenti sui temi più importanti per te.

Buona festa della donna da Prestito24!

Prestito24 Blog
mariateresamatulli@gmail.com