Imu tasi 2016 : chi paga e come calcolarle - Prestito 24: prestiti e cessione del quinto per dipendenti e pensionati.
2275
post-template-default,single,single-post,postid-2275,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Imu tasi 2016 : chi paga e come calcolarle

Imu tasi 2016 : chi paga e come calcolarle

Venerdì 16 dicembre è il termine ultimo per il pagamento del saldo restante di imu tasi 2016. Hai già fatto i conti?
Se no, non preoccuparti: in questo articolo troverai una serie di suggerimenti e dritte per calcoli e modalità di pagamento.

IMU TASI 2016: versamento del saldo

Se nel corso dell’anno non sono cambiate le condizioni di titolarità dell’immobile (rimasto di tua proprietà, con stessa destinazione d’uso), allora devi solo replicare il bollettino postale o il modello F24 presentati a giugno per l’acconto.
Importante: nella causale specifica che si tratta del saldo imu tasi 2016.

IMU TASI 2016: chi paga

Se sei possessore di
A) immobili residenziali di lusso (categorie catastali A/1, A/8 e A/9) o
B) altri immobili al di fuori della tua abitazione principale,

allora pagherai il saldo imu tasi 2016.

Per la categoria B) è possibile ottenere l’esenzione dal pagamento del saldo imu tasi 2016 di solo uno degli immobili secondari (anche quello con rendita catastale maggiore). Se l’immobile è anche interessato da un diritto d’usufrutto o di abitazione, sarà l’abitante (e non il possessore) a pagare il saldo.

IMU TASI 2016: abitazione principale, le eccezioni

Dal pagamento del saldo imu tasi 2016 rimangono esenti alcune particolari categorie.

A) Gli immobili non locati posseduti da membri delle forze dell’ordine/armate, prefetture, protezione civile trasferiti per motivi di lavoro;

B) gli immobili occupati da un coniuge separato su assegnazione del Tribunale;

C) le case popolari, appartenenti a cooperative indivise e assegnate ai loro soci o a studenti universitari (anche residenti);

D) le case non locate di proprietà di residenti in case di cura (in questo caso solo se il Comune interessato consente l’esenzione).

IMU TASI 2016: riduzione per il comodato gratuito

Chi ha concesso una seconda casa in comodato gratuito ai  genitori o figli, potrebbe pagare il 50% in meno. Vi sono però tre ulteriori requisiti da rispettare per il comodante (proprietario dell’immobile):

  • deve aver utilizzato l’immobile come abitazione principale per il 2015;
  • non deve possedere altri immobili nel territorio italiano oltre alla sua abitazione principale;
  • deve avere residenza nello stesso comune in cui è situato l’immobile che concede in comodato;
  • deve necessariamente registrare il contratto di comodato

Restano totalmente escluse le abitazioni di lusso di cui sopra. L’esenzione è valida solo se l’abitazione è data in comodato a parenti di primo grado (solo tra genitori/figli, quindi).

IMU TASI 2016: come calcolare l’imponibile

Solitamente i comuni mettono a disposizione degli strumenti di calcolo dell’imponibile.
In generale, la regola è quella di prendere la rendita catastale dell’immobile, aumentarla del 5% e moltiplicarla per i coefficienti relativi alla tipologia dell’immobile. Questi ultimi vengono stabiliti singolarmente dai comuni: qui ne troverai un elenco completo proveniente dal ministero delle Finanze.

 

 

Mariateresa Amatulli
mariateresamatulli@gmail.com